Iscriviti ora alla newsletter     ok, mi iscrivo

 

5 esercizi per scrivere più semplice (+ risorsa free scaricabile)

Scritto da Alessandra Arpi

 esercizi scrivere semplice

Breve storia triste: il web è un mercato. Vasto, vastissimo, enorme. In principio era piccolo: l'offerta informativa bassa. La domanda sempre più alta. Oggi la domanda è sì alta, ma l'offerta la supera di gran lunga, qualcosa come un milione a uno. Qual è il bene che scarseggia, in questo mercato?

L'attenzione.

Vorrei ma non posso. Vorrei leggere tutto, informarmi su tutto, ma non ho tempo. Indi, centellino minuziosamente la mia attenzione per ciò che davvero mi interessa.
Per chi ha autorevolezza tale da farmi proseguire nella lettura.
Per chi offre un visual appetibile.
Per chi ha un sito veloce e ben leggibile. 
Ma soprattutto per chi non gira troppo intorno a ciò che mi interessa.
Posso avere idee bellissime, argomentazioni convincenti, contenuti accattivanti, ma se li racconto in modo prolisso il mio lettore si confonde, si perde, ci rinuncia.

Come fare, allora?

 

Fai un bel respiro e scrivi semplice

Chi come me lavora scrivendo sul web sa che uno dei dieci comandamenti è “usa frasi corte”. Scrivi semplice. Approfondisci, scava, tira fuori nessi e legami, sbroglia nodi. Ma fallo in modo semplice.
Ce lo ha insegnato Twitter con i 140 caratteri. Ce lo ha insegnato Hemingway. Ma soprattutto ce lo insegna la legge della jungla che vige nel web: se mi annoio abbandono brutalmente la pagina. Per questo bisogna imparare a tagliare dai nostri testi tutto ciò che aggiunge lunghezza, ma non valore. Come? Riflettendoci su ed esercitandosi.

Ecco perché ho creato questa risorsa -gratis e scaricabile- proprio per te.
Una lista di esercizi pratici per sforzarsi di tagliare il superfluo e scrivere semplice.

Vieni qui che te li spiego, poi scarica il PDF e mettiti al lavoro.

  1. Descrivi un argomento molto ampio o complesso in 100 parole o meno

    Scegli qualcosa che conosci bene. Un argomento che ti piace particolarmente. La figura della donna nei fumetti giapponesi, la meccanica della nuova Ferrari, ma anche la trama di Anna Karenina o di Inception. La tua vacanza di un mese in Thailandia.

    Insomma, quello che vuoi.

    Descrivilo il 100 parole, non di più. Respira, rileggilo.
    Adesso descrivilo in 50.
    E poi in 10.
    Quando hai finito, trova un altro argomento e ricomincia.
    Questo esercizio ti aiuta ad affinare la tua capacità di sintesi, eliminando ciò che non serve. E i tuoi lettori ti ringrazieranno.

    testi semplici

  2. Scrivi un articolo di 100 parole usando solo verbi attivi

    Sembra semplice, ma non lo è. A volte il nostro cervello ci porta a costruire frasi molto complesse, ribaltandole dall'attivo al passivo. Ecco, riportiamole al verso giusto.

    La mia attenzione è stata catturata da quel libro.
    Quel libro ha catturato la mia attenzione.


    Quell'esempio è stato citato dal direttore marketing.
    Il direttore marketing ha citato quell'esempio.

    La prima versione è sicuramente più letteraria, la seconda adatta alla scrittura per il web. Ricorda sempre che i verbi in forma attiva danno musicalità e ritmo a ciò che scrivi, sono veloci e molto più descrittivi.

  3. Scrivi un articolo di 100 parole usando solo frasi brevi. Brevissime.

    Hai presente la scrittrice Isabella Santacroce? No? Fai un giro su Google e dài un'occhiata al suo stile. Frasi semplici. Brevi. Brevissime. Quasi giustapposizioni. Asindeti. Ok, così sono davvero molto brevi, ma prova a scrivere un articolo di 100 parole usando solo frasi di quattro o cinque parole. Qua e là usa anche frasi di una sola parola. Così. Per allenarti. Il tuo articolo deve suonare ritmico, quasi sincopato. Come una filastrocca.


    Anna Karenina era una donna infelice. Molto infelice. Non amava suo marito. Né lui amava lei. Poi Anna incontrò Vronskij. Fu amore a prima vista. Luì impazzì per lei. Lei voleva scappare con lui. Un giorno disse tutto. Il marito si infiammò. Era livido. Le rese la vita difficile. Orribile. Un inferno.

    Sono mesi che lo leggo, dovevo citarlo da qualche parte. Comunque, queste sono 52 parole. Tutte riunite in frasi che vanno da 1 a 5 parole. Ora, non dico di scrivere tutti i tuoi blog post in questo modo, ma questo è un ottimo (e divertente, giuro) esercizio per allenare la flessibilità delle nostre parole e costringerci alla sintesi.

     

  4. Descrivi un argomento secondo lo schema PAS: Problem – Agitation – Solve

    Una delle formule più utilizzate nel copywriting è proprio questa:

    -Solleva un
    problema
    -Scuoti il problema
    -
    Risolvi il problema

    Insomma, uno dei must quando si danno consigli o suggerimenti per migliorare.

    Problema → Trovare la giusta babysitter è stressante.

    Agitazione → Fare i colloqui con le ragazze, che siano carine, gentili, che possibilmente non fumino, che magari possano lavorare anche la sera e che abbiano un mezzo, meglio l'auto del motorino, se poi sapessero anche dare ripetizioni di matematica e preparare la merenda.. Non si è mai troppo prudenti, con i propri piccoli. Ma dove si trova il tempo per cercare la babysitter perfetta?

    Soluzione  
    Non è impossibile. Su babysitterperfette.com puoi selezionare il profilo della professionista più adatta per i tuoi piccoli, fare un colloquio Skype in giornata e avere i feedback di altri genitori. E se hai fretta, la prenoti sino a un'ora prima del bisogno. Semplice no?

    In questo modo si impara a
    catturare l'attenzione del lettore, facendolo identificare nel problema. E tu, tu sai benissimo quale sia il problema da risolvere. Lo risolvi tu!
    Insomma, più il tuo testo è empatico, più avrà piglio su chi ti legge.
    Il tuo lavoro consiste poi nel descrivere minuziosamente il problema, mostrandolo per ciò che è:
    una mostruosa scocciatura.
    Ed ecco che arrivi tu con la soluzione: semplice, brillante, che ti fa
    risparmiare un sacco di tempo ed energia.
    Sei pronto? Mettiti alla prova.

    scrivere semplice Pascal

  5. Scrivi un testo di 100 parole di getto. E poi taglia il superfluo

    Benissimo, ora resetta la tua mente dallo sforzo di sintesi. E scrivi un testo di 100 parole di getto. Così, come ti viene. Con tutti gli avverbi, le frasi al passivo e le ipotassi del caso. Non stare troppo a pensarci su.
    Fatto? (Mi sento molto Mucciaccia, sì)
    Adesso rileggilo e rimetti in moto la tua concentrazione sulla sintesi.
    Prova a eliminare, con una penna rossa stile elementari, tutto ciò che ti sembra ridondante. Superfluo. Non necessario per spiegare ciò che intendi.
    Ecco cosa puoi fare:

    -Elimina gli avverbi in -mente
    Capisco perfettamente ciò che intendi → Capisco ciò che intendi
    Il testo tratta prevalentemente di meccanica quantistica → Il testo tratta di meccanica quantistica

    -Elimina i verbi in forma passiva, come ho detto poco fa

    -Elimina le ridondanze
    Al momento abbiamo ancora posti liberi → Abbiamo ancora posti liberi
    Quell'articolo va dritto al punto senza fronzoliQuell'articolo va dritto al punto

Ora tocca a te: scarica il PDF con gli esercizi per scrivere più semplice

Non ti preoccupare, non è un compito a casa. Non devi farne dieci al giorno tutti insieme.
Stampa il documento che ho preparato per te e tienilo sulla scrivania. Fai un esercizio al giorno quando hai tempo, davanti a un caffè.

Ti sorprenderà vedere quanto aiutano a semplificare i tuoi punti di vista.

E, se ti va, condividi con me i tuoi risultati.

Lo spazio commenti è creato per questo!

 

 

 

Questo l'ho scritto io
Alessandra Arpi
Author: Alessandra ArpiEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Sono giornalista e web writer, mi occupo di raccontare online le storie di professionisti, enti e aziende.
Ho vissuto in America, un po' ci ho lasciato il cuore, amo il sushi e faccio le orecchie ai libri.